Spread the love

Spread the love

" />
domenica, 3 maggio, 2015

Chi tace acconsente

Spread the love
Giuliano-Pisapia_02

Il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia

Caro Sindaco di Milano Giuliano Pisapia,
desidero chiederti alcune cose inerenti la manifestazione violenta “no Expo” del Primo Maggio, che a Milano ha causato danni ai Cittadini nonché feriti tra le Forze dell’Ordine.
Come mai, dalla settimana prima della simpatica manifestazione, al campeggio del Figino situato alle porte di Milano si stavano radunando anche stranieri con materiali vari quali caschi, bastoni e quant’altro?
Qualche cittadino dice di averli visti.
Invece chi dirige il campeggio non si è accorto d’alcunché d’anomalo? Ma dai!
Devo credere che tu non lo sapessi?
Pochissimi giorni prima, il 28 aprile, la Digos è intervenuta in Via degli Apuli, sempre a Milano, nel quartiere Giambellino. Questa Via degli Apuli, per chi non lo sapesse, è un noto “fortino della mala”.
Presso alcune abitazioni e in un’auto hanno sequestrato martelli frangicristalli, mazze, fionde, petardi e materiale per confezionare ordigni, appartenenti a individui del “no Expo”.
Denunciati 6 italiani, 16 francesi e 4 tedeschi, uno dei quali fermato. E gli altri? È vero che alcuni erano privi di documenti? Per quale motivo gli stranieri non sono stati arrestati o immediatamente espulsi? Non si desiderava privarli del “libero diritto democratico” di partecipare alla manifestazione “no Expo” del Primo Maggio?
I giudici dell’ufficio immigrazione del Tribunale civile di Milano incaricati di esaminare la questione non hanno ritenuto di dover procedere contro di loro. E contro gli altri, italiani?
Tutto ciò è a dir poco curioso.
È stato poi sgomberato il vicino “spazio sociale” denominato «Base di solidarietà popolare», di tendenza “anarchica”, situato in Via Odazio e occupato abusivamente.
Nella vicina Piazza Tirana si è quindi svolta una sorta di corteo a “sostegno” di sgomberati e perquisiti.
Tutto è stato lasciato scivolare nel limbo, come se nulla di male fosse accaduto.
Per la sicurezza dei Cittadini di Milano che cosa si è fatto? Solo questo?
Era da un mese che i Cittadini di Milano sapevano che ci sarebbero stati disordini e devastazioni, per altro preannunciate da numerose scritte tracciate a vernice sui muri delle case. Ma tu, caro sindaco di Milano, hai fatto qualche cosa per proteggere i Cittadini della Città che dovresti innanzitutto salvaguardare?
È ora di finirla con i piagnistei e le parole di condanna a funerale avvenuto, spesi a profusione sui “media” da troppi politici e non solo.
Le forze dell’ordine non erano in grado di bloccare gli “stimati” 500 – 1000 individui che hanno scatenato la guerriglia urbana? I filmati e le foto hanno immortalato uno di questi in carrozzina! Per altro assai noto.
Oppure le forze dell’ordine avevano il preciso ordine di prendere le botte e basta?
Sette carabinieri e cinque poliziotti feriti.
Teppisti feriti? Nessuno?
Arrestati solo tre uomini e due donne.
Questo non è stato un attacco ad Expo 2015, evento mediatico sul quale ci sarebbe fin troppo da dire dal momento che fin dall’inizio si è presentato assai perplimente.
Questo è stato un programmato attacco diretto contro la Città di Milano.
Auto danneggiate, bruciate, vetrine sfondate, muri imbrattati, ecc.
Caro sindaco, sei pagato dai Cittadini per mantenere sicurezza e dignità, ma non mi pare che ti sia guadagnato il lauto stipendio che ogni mese incassi.
E non solo tu!
I componenti di questa “giunta” dovrebbero avere il pudore e la coerenza di dare in blocco le dimissioni e sparire per sempre dalla scena politica.

Commenti

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare sia il tuo account di Facebook o di qualsiasi altro social network oppure puoi sempre "dirci la tua" senza dover utilizzare un tuo account ma semplicemente registrandoti su Rinascita, come indicato in fondo alla pagina.

Lascia un commento

Devi COLLEGARTI per lasciare un commento.