Spread the love

Spread the love

" />
venerdì, 29 luglio, 2016

Turchia , i diritti civili e l’emergenza tra geopolitica e storia

Spread the love

Turchia, NATO, golpisti. Non è l’unico caso di omissioni cruciali, di silenzi abnormi, che di professionale non hanno nulla, e di utile per l’operare concreto della Politica e degli operatori per la sicurezza, hanno molto poco. Due esempi recenti: primo, le sacrosante accuse a Blair per l’entrata in guerra dell’Inghilterra contro l’Iraq di Saddam Hussein, prive però di un particolare importante, e cioè che l’ex premier inglese ebbe a confessare nel dicembre 2010 che lo scatenamento dell’assalto finale a Saddam Hussein era stato discusso e concordato dalla superpotenza britannica con alcuni ufficiali israeliani.
Secondo, il braccio e mano tesa del furbo criminale Breivik, da cui la sua immagine di nazista, quando nazista non era mai stato e non è, ma un ‘cristiano sionista’, sedicente “templare”, comunque adoratore di Israele. Nero su bianco, nel suo documento programmatico: verità indubitabile dunque, e utilissima a essere ricordata per verificare anche l’attentato di Nizza, visto che Breivik avrebbe ispirato il 17nne disadattato irano-tedesco autore della folle strage. Ma sempre sempre e sempre, a destra e sinistra domina il political correct, purché si parli di certuni solo per lodare le indubbie virtù cinematografiche di Paul Newman, o la genialità attribuita in esclusiva a Albert Einstein.
Un deja vu, dunque, quello sul golpe e il dopo golpe turco: eppure le dimensioni dei silenzi sul caso Erdogan hanno raggiunto un apice forse mai registrato prima d’ora, vista l’eco planetaria del fallito colpo di stato e degli arresti di massa in corso in tutta la Turchia.
Del silenzio sul collegamento tra il plurimiliardario e magnate delle comunicazioni multimediali Gulen e il clan dei Clinton ho già detto: ancora non se ne discute, almeno nelle forme e dimensioni dovute, e almeno su quanto filtrato dalle strisce google. Ma oltre a questo particolare, ecco due nuovi temi chiave i cui veri profili e contenuti sono sommersi dal political correct di chi continua a voler occultare la Cronaca e la Storia.
Il primo tema è di natura geopolitica. il secondo di carattere storico. Dal punto di vista geopolitico tutto può accadere in futuro, ma è un dato certo che l’avvenuta pacificazione dei rapporti tra Ankara e Mosca rappresenta una svolta di enorme portata. La Russia ha infatti acquisito dentro la NATO un alleato di ferro, e questo mentre l’oltranzismo occidentale va sfogandosi in modo pericoloso spedendo altre truppe in Polonia e nei Paesi baltici. A questo punto a Putin converrà che la Turchia non solo resti nella NATO, ma anche che entri nell’Unione europea, nei cui vertici si annidano i peggiori ‘falchi’ antiMosca, impegnati a contrastare persino Obama, Hollande, Renzi, Merkel. Comunque quel che emerge dalla pace Putin-Erdogan, è una situazione nuova, originale rispetto a tutto l’ultimo quarto di secolo, e foriera di speranze di stabilizzazione delle relazioni internazionali.

C’è poi l’altro silenzio, che riguarda la Storia. Non si puo’ non essere preoccupati per le migliaia di arresti in tutta la Turchia e per la dilatazione abnorme dello stato di fermo, senza il previo controllo dell’autorità giudiziaria da parte dei sopravvissuti al golpe. La difesa legittima dello Stato di diritto rischia di trasformarsi nel suo contrario …
Ma quel che va ricordato per ben contestualizzare la fase emergenziale prima subita e poi imposta da Erdogan è la svolta profonda che sta vivendo il popolo turco dopo più di un secolo di sostanziale dittatura laicista, anticristiana e antimusulmana, a sua volta prodotto di due o tre cruciali eventi storici del primo Novecento: il colpo di stato dei Giovani Turchi del 1908, le orribili stragi e deportazioni di armeni durante la prima guerra mondiale, e l’avvento del regime kemalista nel 1923. Di tutto questo nemmeno il Papa e Erdogan hanno parlato nel loro confronto sulla questione armena, tutta centrata sul genocidio sì o genocidio no, senza ricordare chi fossero i nuovi padroni della Turchia dopo il rovesciamento del sultano Abdul Hamid.

Chi erano infatti i Giovani Turchi? Erano, non musulmani, ma ebrei, ebrei massoni legati alle logge europee, in particolare quelle italiane. Questo dato di fatto emerge non solo da molta letteratura ‘ortodossa’, come la Storia del Medio Oriente di William Yale, pubblicato in Italia da Feltrinelli nel lontano 1962, il libro di Johnson sull’accordo segreto Sykes Picot del 1916, in parte pubblicato a puntate anche da Rinascita, o un saggio recente sulla Rassegna mensile di Israel di un docente dell’Università di Trieste, che descrive la composizione demografica di Salonicco, la città originaria dei Giovani Turchi, e le origini ebraiche della maggioranza della sua popolazione agli inizi del Novecento.
Oltre a questa saggistica accessibile in modo relativamente facile da chiunque, ci sono infatti anche le memorie diplomatiche e le fonti a stampa dell’epoca, sepolte nell’oblio dagli stessi manuali di storia, anche universitari. L’ambasciatore inglese Sir Gerard Lowether non ha peli sulla lingua nel descrivere nei suoi rapporti al Foreign Office di inizio 900, gli emuli turchi della Giovine Italia di Mazzini:
“Salonicco ha una popolazione di circa 140mila ebrei spagnoli (emigrati nel 1492, ndr), compresi 20mila seguaci della setta di Sabbatai Zevi, un cripto-giudeo che esternamente professa la religione islamica. Molti di essi hanno acquisito in parte una nazionalità italiana e sono Liberi Massoni affiliati alle logge Italiane. Nathan. Il sindaco di Roma, è ai vertici della Massoneria, e i primi ministri Luzzati e Sonnino, e altri senatori e deputati sono anch’essi, pare, massoni …”
L’ambasciatore americano dello stesso periodo, Morghentau, descrive a sua volta nel suo Ambassador Morghentau Story fatti precisi e disvelatori dell’identità e degli intenti nascosti dei Giovani Turchi: erano non islamici, scrive, ma ‘atheists’, e furono loro “gli uomini che concepirono il crimine contro gli armeni” (p. 323) scatenandogli addosso i musulmani turchi e curdi; il loro programma segreto – al di la dell’autorappresentazione di liberatori dei popoli sottoposti al regime del Sultano di Istanbul – emergeva da un comizio di Enver Pascià de 1909, nel quale il leader dei golpisti annunciava che tutti i popoli e tutte le religioni della nuova Turchia sarebbero stati liberati dal nuovo regime, scordandosi pero, nella lunga lista (“Turkey Bulgarians, Greeks, Servians, Roumanians, Musulmans, Jews.” pp. 12-13) i seguaci del cristianesimo tra le prime, e gli armeni tra i secondi. Una sorta di preannuncio dei futuri massacri e deportazioni di armeni durante la prima guerra mondiale, i cristiani vittime di una comunità religiosa sua concorrente nella rete dei traffici commerciali della Turchia europea e anatolica.
Dopo di allora, a guerra conclusa, nella nuova capitale Ankara si insedia Kemal Ataturk, il ‘padre’ della Turchia moderna, antimusulmano, sostenitore di un laicismo durato fino alle elezioni del 2003, che avrebbe favorito – dopo la sua morte e la fine della seconda guerra mondiale – una alleanza della Turchia con Israele, due paesi “assediati” dal mare islamico. Una intesa durata fino alla svolta del nuovo secolo, con l’episodio dei Mavi Marmara come evento simbolo di una svolta in fieri.
Ed ecco allora il punto su cui riflettere per capire la fase emergenziale e attuale; le due elezioni di Erdogan in questo scorcio del XXI secolo, la prima a capo del governo, la seconda a Presidente, non sono state certo in grado di intaccare la struttura profonda, massonista, della Turchia. Da qui tutto quel che sta accadendo. Giustificare potrebbe essere altra cosa, ma comprendere è dunque necessario, sia pure con le incognite di un futuro ancora incerto, in Turchia e in uno scacchiere mediorientale che non conosce pace dalla Dichiarazione Balfour del 1917 e più tardi dalla fondazione dello Stato d’Israele a spese degli autoctoni palestinesi.

Commenti

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare sia il tuo account di Facebook o di qualsiasi altro social network oppure puoi sempre "dirci la tua" senza dover utilizzare un tuo account ma semplicemente registrandoti su Rinascita, come indicato in fondo alla pagina.

Lascia un commento

Devi COLLEGARTI per lasciare un commento.