Spread the love

Spread the love

" />
mercoledì, 25 novembre, 2015

Erdogan, il proto-califfo

Spread the love

Recep Tayyip Erdoğan, il presidente turco, è sempre stato fautore di uno Stato laico-teocratico e al tempo stesso cultore di un ritorno all’unità imperiale pan-ottomana, comprendente anche la rivendicazione di parte dei Balcani o del Maghreb africano. Non a caso, nell’Europa sudorientale ha svolto una politica di solidarietà e sostegno delle milizie islamiche in Bosnia, al Sangiaccato di Novi Pazar e agli albanesi kossovari nei conflitti armati contro la Serbia e in Libia ha armato le milizie terroristiche anti-Gheddafi.
Vicino alla Fratellanza Musulmana, fieramente ostile agli sciiti, e “protettore” delle milizie turche anti-Assad – dal cosiddetto “esercito libero siriano” alla “qaidista” al-Nusra e quindi di converso all’Isis – è noto per aver dichiarato: “i minareti sono nostri baionette, le cupole le nostre cuffie / le moschee sono le nostre caserme, i credenti I nostri soldati / questa armata divina guardia mia religione / allahou akbar, allahou akbar!”, citando un poëme di Elena Gökalp. Per “incitamento all’odio religioso” è stato imprigionato nel 1998. Uscito dal carcere ha fondato l’AKP, il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (sic) ottenendo addirittura lo status di “osservatore” presso il partito popolare europeo, gruppo conservatore democratico cristiano… Con l’evidente intento di porsi come interlocutore-cavallo-di-Troia per un’adesione alla cosiddetta Unione Europea.
Un programma in perfetta sintonia con quello delle sette di assassini che operano in Siria.

Commenti

commento(i). Per commentare, puoi utilizzare sia il tuo account di Facebook o di qualsiasi altro social network oppure puoi sempre "dirci la tua" senza dover utilizzare un tuo account ma semplicemente registrandoti su Rinascita, come indicato in fondo alla pagina.

Lascia un commento

Devi COLLEGARTI per lasciare un commento.